Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 2 agosto 2012

Un piccolo pensierino di ringraziamento..per lei e per lui!

Ciao a tutte, oggi vi propongo un pensierino davvero semplice ma carino per dire "Grazie" in modo non solo verbale.

Procuratevi un bagnoschiuma neutro, preferibilmente inodore e dal colore bianco.

Coloratelo con le colorazioni apposite per il sapone e profumatelo con qualche goccia di olio essenziale profumato apposito per cosmetici.
(Io ho scelto la profumazione incenso poichè è adatta sia ad un uomo che ad una donna)

Ora cercate di scovare i giusti contenitori per raccogliere il vostro bagnoschiuma..io ho scelto 2 bottigliette colorate, l'una rosa e l'altra arancio, decorate in rilievo.



Poi con dei nastri colorati ho fatto un semplicissimo fiocco sul quale ho poggiato un adesivo con scritto "grazie"




Ed infine...con un giro di rafia ho inglobato i miei bigliettini col nome del mio sito.


E' un'idea semplicissima, ma che racchiude un gesto carino verso chi dovete ringraziare.

Baci

Clody

domenica 3 giugno 2012

DOCCIA FRESCA COL SORBETTO CIOCCOMENTA!



sorbetto sapone cioccomenta


Buongiorno a tutti,
questa ricetta la dedico a Sabrina, che si è dimostrata molto interessata ai sorbetti di sapone.

Il sorbetto di sapone è semplice e divertente da preparare, e lascia libero sfogo al vostro estro come colori e profumazioni.
Io vi mostro il procedimento per la profumazione ciocco-menta!

- Prendete 150 gr di glicerina trasparente


- Sminuzzatela

- ponetela nel pentolino per discioglierla a bagnomaria


- aggiungetevi all'interno qualche goccia di colorante per saponi  verde ed alcune gocce di essenza naturale    di  menta (oppure balsamico o eucalipto)


- Attendere fino al discioglimento della glicerina


- Nel frattempo ponete in una bacinella 500 - 600 gr di acqua


- ed incorporate in essa 2 o 3 cucchiai del vostro olio preferito (jojoba, mandorle, argan ecc..)



- Una volta disciolta la glicerina, incorporate anch'essa nella bacinella.


- Mescolate


- e versate il sapone liquido in appositi recipienti per il contenimento. In questo caso io ho scelto delle normalissime coppette per gelato in plastica. Aspettate un'oretta e passate alla decorazione.


- Con l'ausilio di scagliette di cioccolato


- e di una crema erboristica


- decorate a piacere il vostro composto divenuto ormai "budinoso", inserendovi delle cannucce per renderlo piu' verosimile







Lasciar riposare  e conservare in frigorifero per ottimizzare la freschezza di questo originale sapone. 
Durante la doccia prelevarne con la mano un discreto quantitativo ed abbandonatevi ad una golosa pausa di freschezza!!!

sabato 28 aprile 2012

LIBERTA' DI PAROLA E SCRITTO ART. 21..SI GRAZIE, LO ESERCITO!!!

Quando a scuola studiavo storia mi ricordo di aver appreso di una categoria denominata "servi della gleba" delineatasi nell'epoca medievale. Ricordo sommariamente che tale categoria di persone era per nascita destinata alla coltivazione di zolle di terra che i proprietari terrieri  concedevano in comodato d'uso ai contadini i quali pagavano l'affitto della suddetta zolla e vi riconoscevano obbligatoriamente la decima e servizi lavorativi.

Quando studi  apprendi e fai tua una determinata nozione appresa..io ricordo che mi rattristavo parecchio al pensiero che ci fossero persone che lavoravano duro per poi doversi privare del raccolto per dare a chi aveva avuto dono del privilegio di esser nato in una casta condita di privilegi. Tutto sommato oggi mi viene da sorridere..perchè rattristarsi di chi coltivava un terreno non suo concedendo parte dei frutti oltre all'affitto quando al giorno d'oggi devo concedere i frutti e parte dei miei sacrifici a chi il mio terreno non lo possiede?
L'Italia lo sta chiedendo a tutti i cittadini italiani...donare parte dei frutti e dei sacrifici delle nostre proprietà per risollevarLa. Non basta sudarsi il finanziamento di un'automobile, costo più interessi, dobbiamo versare la tassa di possesso. Non basta fare sacrifici per comprare un'automobile usata accontentandosi di ciò che ci si può permettere..bisogna pagare il passaggio di proprietà che come minimo sono 450 euro!! Non basta nemmeno reinventare il canone televisivo della televisione pubblica facendolo diventare tassa di possesso sulla televisione..calcolando che l'Italia non mi aiuta a comprare un'auto perchè devo versare una tassa ogni anno? Calcolando che l'Italia non mi ha comprato un televisore..perchè devo pagare la tassa di possesso?  Anche i polmoni devono pagare le tasse..si perchè se si introducono del fumo a proprio rischio e pericolo devono fare i conti con il Monopolio di Stato..
La sanità per il cittadino italiano è garantita e gratuita: devo contribuire al mantenimento di un servizio che funziona alla perfezione pagando semplicemente un ticket per aspettare dei mesi per avere il servizio che mi spetta..salvo il fatto che aggiungendo poche manciate di euro al ticket posso prendermi il privilegio di essere visitata subito.
Se si pensa che l'articolo 1 della costituzione italiana recita

"L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione."

mi trovo un pò spiazzata...
in primo luogo perchè il lavoro in questo momento è un privilegio;
in secondo luogo perchè non  ritengo di possedere, essendo parte del popolo,  una fantomatica sovranità;
e la conclusione che posso trarre è di non vivere all'interno di una democrazia ma di una vera e propria DITTATURA LEGALIZZATA.

La motivazione è presto delineata:

Io ho un datore di lavoro ed io ed i miei colleghi siamo i dipendenti. Abbiamo un contratto registrato che se non rispettiamo veniamo licenziati.
Ora, concedetemi la metafora, se il popolo è sovrano ed il Governo è a servizio del popolo..noi siamo i datori di lavoro ed il Governo è il dipendente.

Punto 1: il mio contratto è registrato..il vostro dov'è? Posso sapere perchè ho assunto delle persone SULLA PAROLA e spesso al lavoro non si sono presentate ma mi hanno mandato dei sostituti che io non ho assunto?

Punto 2: Se il contratto non è stato rispettato e gli obiettivi non sono stati raggiunti...perchè non posso licenziare chi non ha dato il frutto che millantava? e in più..perchè devo pagargli lo stesso lo stipendio e le provvigioni?

Punto 3: Perchè se io vendo automobili italiane per far girare l'economia italiana tu che lavori per me vai in giro a far fruttare il fatturato automobilistico estero? e piu' precisamente..perchè se io che sono il tuo datore di lavoro non riesco a comprarmi la macchina tu che sei mio dipendente puoi permetterti un 3000 di cilindrata con tanto di autista privato e te lo devo pagare io??? mi è sfuggita la clausola dei benefit quando ti ho assunto caro governo...e dei pasti non parliamone..io datore di lavoro mangio un panino da 2 euro e 50 ogni giorno nell'ufficio perchè devo tirare la cinghia per far pranzare te, mio dipendente, con pasto completo e senza guardare la timbratura per poter effettivamente sapere se la pausa pranzo dura quell'ora scarsa all'interno delle tue otto ore lavorative.

Non mi sembra un ruolo ben delineato il tuo come dipendente.

Ti racconto un pò come funziona la vita di un tuo datore di lavoro:

A 18 anni era già fuori casa, e quando ha chiesto un mutuo per non vivere sotto un ponte gli è stato negato perchè il padre ne aveva già uno aperto.
Allora ha vagliato la strada dell'affitto..ma quando ha richiesto come previsto dalla legge un sussidio per l'affitto si è trovato dinanzi uno stuolo di famiglie extracomunitare che avevano piu' diritti di lui.
Allora si è sparato il primo finanziamento per campare perchè la famiglia sfasciata dalla quale usciva l'individuo non gli ha mai dato un euro. A 18 anni di tempi indietro portare a casa 800 euro per un mese di lavoro otto ore al giorno era la normalità..se ci scaliamo subito i canonici 500 euro di affitto e la rata da 200 euro del finanziamento servito per versare la cauzione dell'appartamento, mettersi 2 stracci di mobili, e comprarsi da mangiare ..mi capisce benissimo che la situazione diventa insostenibile.. Allora le strade diventano veramente poche da percorrere..chiedi un altro finanziamento, fai i consolidamenti dei debiti e ti ritrovi a 30 anni con rate da pagare su finanziamenti con tassi di interessi altissimi, per ritrovarti nel 2012 con i recuperi crediti pronti, nelle immediate 24 ore successive alla scadenza del bollettino rateale, a farti lo squillo sul cellulare per dimostrare nel tabulato telefonico che tu non hai risposto alle loro perpetuanti richieste di contatto, inviando a casa more di 30 o 40 euro per il pagamento in ritardo del suddetto bollettino.
Chi vi  scrive lavora in edilizia, uno dei settori maggiormente colpiti da questo disastroso momento...e si è visto costruire dinanzi palazzine atte ad alloggi comunali per persone meno abbienti..qual'è il criterio di meno abbienti non l'ho ancora ben capito e preferisco non approfondirlo poichè ho delle cose poco garbate da dire in merito a tale argomento, ma il punto su cui mi vorrei focalizzare è...perchè costruire e non ammortizzare diversamente i milioni di alloggi di edilizia privata costruiti negli ultimi anni e rimasti tuttora invenduti? Forse elaborare piani di acquisto o affitto agevolato avrebbe messo meno in crisi le migliaia di imprese edili che oggi si trovano in un mare di difficoltà.

E un'altra cosa mi sento di dire: il discorso TASSE, il discorso EVASIONE, il discorso LAVORO NERO.

E' inutile che i mass media continuino a bombardarci oggi con le maxi operazioni della Guardia di Finanza su miliardi di euro evasi al fisco scoperti ora.
L'evasione da parte di certi signori c'è sempre stata..mi vien da pensare che è un pò impossibile che tutti siano diventati così facili da farsi sgamare nel 2012!!! O prima si chiudevano non uno ma due occhi o abbiamo immesso nelle forze dell'ordine personaggi coi fiuti da segugi abilmente addestrati come i cani da tartufo!!
Ed è inutile postare questi egregi funzionari nelle piazze dei mercati tra la gente che si sveglia alle 5 del mattino per metter giu' una bancarella..i miliardi di euro di evasione non li fa il fruttivendolo o il venditore di pesce fritto..l'evasione a quell'ora dorme ancora!!!
Ed ecco che mi aggancio al lavoro nero...se non si possiede un posto di lavoro perchè si è in cassa integrazione a zero ore oppure perchè la ditta in cui lavoravo ha chiuso...come faccio se non trovo un lavoro che mi permette di pagare l'affitto, le bollette che continuano ad aumentare e a nutrirmi? Come faccio a pagare le tasse dell'immondizia i cui pagamenti arretrati nei comuni sembrano essere magicamente spariti dai database?? si perchè se non hai avuto l'accortezza dopo il decimo trasloco di conservare tutti i tagliandini del pagamento della raccolta differenziata diventi magicamente un non pagatore..salvo poi sbatterglielo sotto il naso e sentirsi rispondere..ahhhhhh c'è stato un errore nel computer!!!!! certooooooo!!!!
Quindi se non hai piu' un posto di lavoro..non ti fai sbattere sotto i ponti perchè non riesci a pagarti un tetto sopra la testa..ti arrangi a far quel che puoi con quel che trovi!!

Di cose da dire ne avrei tante e  fortunatamente l'articolo 21 della costituzione italiana non me lo impedisce di esprimerle a parole o con lo scritto!!

Un consiglio..se la filosofia cara Italia per risollevarti è questa, bhè ti sei dimenticata una tassa molto più redditizia..                                
       LA CARTA IGIENICA!!!!

 perchè???

PERCHE' IL CULO ALMENO CE LO PULIAMO TUTTI...O ALMENO SPERO!!



domenica 22 aprile 2012

CANDELA E SAPONI LINEA CHAKRA

SAPONI E CANDELA CHAKRA

ECCO A VOI UNA NUOVA LINEA CHE HO IDEATO ISPIRANDOMI AI CHAKRA.

CHI SI INTERESSA DI ENERGIA O PRATICA YOGA COME ME SA' BENE COSA SIANO I CHAKRA E COME SIANO IMPORTANTI PER LA NOSTRA ENERGIA E IL NOSTRO BENESSERE.



I NOSTRI FULCRI ENERGETICI SI DISTINGUONO PER COLORI E PER QUESTO HO DECISO DI CREARE UNA LINEA DI SAPONI CROMATICA COORDINATA CON UNA CANDELA DECORATIVA.

HO AVUTO MODO DI VENIRE IN POSSESSO DI UNA GROSSA CANDELA BIANCA CON DECORI IN RILIEVO E CON L'AUSILIO DI TEMPERE HO DECLINATO LA SCALA CROMATICA DEI CHAKRA. DI SEGUITO IL PROCESSO PER LA REALIZZAZIONE:

MATERIALE INDISPENSABILE:


UNA GRANDE CANDELA CON RILIEVI


TEMPERE

PENNELLI E PIATTINO IN PLASTICA

ACQUA PER AMMORBIDIRE E SCIACQUARE PENNELLI

IL PRIMO COLORE E' IL ROSSO. COL PENNELLO AMMORBIDITO NELL'ACQUA E SUCCESSIVAMENTE ASCIUGATO BENE COMINCIATE A PASSARE COL COLORE SOPRA AI RILIEVI DELLA CANDELA.
(PS. NON UTILIZZATE IL PENNELLO BAGNATO PERCHE' LA TEMPERA INUMIDITA NON SI FISSA BENE SULLA CERA, MEGLIO USARE COLORE PURO)


PASSATE POI ALL'ARANCIO


PROSEGUITE CON IL GIALLO


PASSATE AL VERDE


POI PASSATE AL BLU


E SUCCESSIVAMENTE ALL'AZZURRO


CONCLUDETE CON IL VIOLA



 REALIZZATE DEI SAPONI IN GLICERINA BIANCA CON LA STESSA DECLINAZIONE DI COLORI. IL MIO ROSSO PURTROPPO E' RISULTATO UN PO' "MOSCIO" MA GLI ALTRI COLORI SONO RIUSCITI DECISAMENTE PIU' BRILLANTI.
IL PROCEDIMENTO E' IL SOLITO.
SCIOGLIETE A BAGNOMARIA DELLA GLICERINA BIANCA, COLORATE CON COLORI ALIMENTARI O SPECIFICI PER SAPONI E PROFUMARE CON FRAGRANZE APPOSITE PER SAPONI A VOSTRA SCELTA.
RIPETETE IL PROCEDIMENTO PER OGNI SINGOLA COLORAZIONE. TRASCORSI 30 MINUTI SFORMATE I SAPONI DAGLI STAMPI.

E QUESTO E' IL RISULTATO:

UN BOUQUET DI PROFUMI E COLORI ENERGIZZANTI!!!